.
Annunci online

NOIELASOCIETA NUOVO BLOG DI VERDUCCI FRANCESCO: società, poesie e racconti
Sull'ateismo 2
post pubblicato in Pensieri, il 12 ottobre 2011

Ateismo1

1)         Il fatto che la disputa tra atei e teisti risale all’antica Grecia la dice lunga sulla sua inconcludenza. La differenza tra i due schieramenti, oltre all’esistenza di dio o meno, dovrebbe riguardare la visione del proprio credo: gli uni credono che dio sia una verità assoluta, gli altri che sia solo una ipotesi. Non tener conto di questo da parte dell’ateo, implica che  tutt’e due credono, in fondo, a qualcosa di sovrannaturale

2)         Non credo in dio perciò sono ateo.

3)         Credo nella natura umana e nella sua capacità di creare un mondo giusto e libero da ogni sopruso.

4)         La differenza sta nella ricerca costante del nesso tra realtà e immaginazione.

5)         Realtà è tutto ciò che esiste, sia esso visibile sia invisibile agli occhi umani, e dimostrabile attraverso esperimenti scientifici; immaginazione è tutto ciò che l’uomo, partendo dalla realtà, costruisce mentalmente senza nessun riscontro sperimentale.

6)         L’immaginazione è tipica delle menti incapaci di analizzare scientificamente l’esistente pertanto, tendono a creare giustificazioni astratte di ciò che li circonda; dio è la più alta astrazione che l’uomo abbia mai prodotto.

7)         Un pensiero realistico non può, comunque, escludere quello immaginifico. Ne ha bisogno nel momento in cui, per sviluppare un concetto, e non conoscendo la risposta reale del problema che sta affrontando(risposta che arriverà solo dopo l’esperimento), ha bisogno di immaginarne i possibili sviluppi; solo dopo può procedere con l’esperimento.

8)         Un pensiero immaginifico, invece, si basa proprio sull’esclusione della realtà.

9)         Realtà e immaginazione possono coesistere solo a patto che il fine ultimo sia la prova scientifica del problema.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ateismo

permalink | inviato da verduccifrancesco il 12/10/2011 alle 14:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sull'ateismo 1
post pubblicato in Pensieri, il 11 ottobre 2011

Ateismo2

Ateo significa senza dio, ovvero, non credere nell'esistenza di un dio sia esso creatore o no. Pertanto, un ateo convinto non cercherà mai di dimostrare la non esistenza di un qualcosa che lui stesso considera inesistente, questo perché è impossibile dimostrare la non esistenza.


Detto questo, io che sono ateo, o sempre pensato alla creazione come a una possibilità teorica dell'origine delle cose pari a quelle scientifiche come il big bang; questo perché non si può rifiutare a priori una teoria finché non viene dimostrato il contrario che, tra l’altro, è un comportamento antiscientifico.

 

Essere ateo, pertanto, significa cercare altre soluzioni,altre strade nella ricerca dell'origine. Ma ancor di più essere coscienti della limitatezza dell'uomo; in fondo ciò in cui crediamo è dimostrabile solo in certa misura, mai completamente, di conseguenza, non si può neanche avere lacertezza che l’uomo arrivi a comprendere come sia iniziata l’esistenza.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ateismo

permalink | inviato da verduccifrancesco il 11/10/2011 alle 10:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre        novembre