.
Annunci online

NOIELASOCIETA NUOVO BLOG DI VERDUCCI FRANCESCO: società, poesie e racconti
Laicismo e democrazia.
post pubblicato in Pensieri, il 3 novembre 2011

Prima e seconda parte

terza parte

 

Esiste già oggi un sistema sociale in grado di evitare l’affermarsi di un’idea a scapito delle altre?

 

Se le diversità sono il frutto di un costante progresso del pensiero critico, è logico presupporre che tale meccanismo continuerà finché ci sarà la possibilità di pensare e, dato che il pensiero non è controllabile, in teoria, continuerà  finché esisterà l'uomo. Questo, però, rende la società continuamente conflittuale e instabile senza il necessario controllo attraverso leggi che ne regolino il naturale e pacifico dibattito tra le diversità. Questo controllo, nelle società moderne e democratiche, avviene, o dovrebbe avvenire, attraverso lo stato laico, ovvero, quella particolare struttura statale che permette a tutte le correnti di idee di esprimersi e manifestarsi in concreto eliminando la possibilità di prevaricare sulle altre.

 

Lo stato laico, però, deve combattere costantemente contro i tentativi di egemonia che si ripresentano costantemente. Tentativi che, con la moderna tecnologia, diventano sempre più insidiosi e subdoli. Tali tentativi, nelle società democratiche, dimostrano ulteriormente che le libertà individuali e collettive devono essere sottoposte a costante verifica da parte dello stato affinché non si verifichi la prevaricazione di un’idea sulle altre. Il controllo dello stato sulle libertà, però, rappresenta un ulteriore problema perché è proprio attraverso di esso che le idee assolutiste cercano di prevalere per conformare tutta la società ad esse.

Lo stato, pertanto, deve a sua volta essere controllato da istituzioni che, pur essendo al vertice della società, non rappresentano ne  i cittadini ne lo stato ma hanno funzione di controllo sia sullo stato che sui cittadini.

Qualcuno potrà dire, anzi dirà, che queste istituzioni dovranno essere, a loro volta, controllate per evitare che anche loro non diventino fautrici di idee assolutiste. E ciò è vero se si dessero compiti legislativi a dette istituzioni ma, dato che il compito legislativo, in democrazia, spetta al parlamento eletto dal popolo, queste istituzioni non avranno altro potere che quello di controllare che non vengano fatte leggi a favore di interessi particolari. È per questo che le democrazie si sono provviste di una costituzione fondativa della società. La costituzione, pur non avendo potere legislativo vero e proprio, detta, però, le linee guida su cui si devono basare le leggi ed è al loro interno che si svolge la vita sociale degli individui e dei gruppi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libertà

permalink | inviato da verduccifrancesco il 3/11/2011 alle 16:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sulla libertà (terza parte)
post pubblicato in Pensieri, il 17 ottobre 2011
prima e seconda parte

Paradossalmente, è dittatore chi rivendica la massima liberta per sé.

Assolutismo, naturale evoluzione dell'individualismo.


Ogni individuo ha la tendenza a pensare che la propria idea sia la più adatta a realizzare una società "perfetta" e ne ritenga necessaria la sua attuazione attraverso la libertà individuale. Attuazione che, inizialmente, si manifesta con la creazione di strutture atte a soddisfare la necessità di quanti vi aderiscono ma che, col passare del tempo e con il naturale attrito che si manifesta con le altre idee presenti, tenderà sempre più a porsi come idea dominante. Pertanto, l'individuo chiede sempre maggior libertà per se e la propria idea e al contempo, cerca di coinvolgere un maggior numero di sostenitori per poter giustificare la sua presenza nella società e nelle istituzioni. Da qui nasce l'esigenza di un sempre maggior consenso intorno alle proprie idee e una maggior pressione sui cittadini che dovrebbero accettare l'idea da lui proposta come unica soluzione ai problemi. Più il consenso aumenta, più l'individuo si sente in dovere di chiedere maggior libertà alle proprie azioni. 

 

La massima espressione culturale di questo modo di vedere e il suo naturale sviluppo è l'assolutismo, naturale evoluzione del diritto alla totale libertà individuale basato sul presupposto che solo una delle culture è quella che porterà l'umanità all'affrancamento dalle necessità primarie.

Questa visione della società mette, per potersi giustificare, al di sopra dell'essere umano, un qualche concetto astratto - come dio o la legge - per far si che la società da loro proposta venga interpretata come un qualcosa di ineluttabile e legittimo. Ma per raggiungere lo scopo devono eliminare le differenze culturali interne, far accettare a tutto il popolo la loro idea o teoria sociale; ciò comporta la totale ristrutturazione, non solo delle strutture ma anche dei principi su cui si basava la società precedente. Ed è qui che coloro che rivendicano la massima libertà, in realtà rendono la società schiava di un'idea non condivisa.

L'idea di uniformare l'essere umano ad un'unica visione sociale, anche attraverso i moderni mezzi di comunicazione di massa e anche con un'adeguata critica, comporta, necessariamente, la restrizione delle libertà nel processo di unificazione per poter meglio esporre le proprie ragioni senza contraddittorio. Restrizioni che si manifestano attraverso l'impedimento della critica alle idee deputate a divenire dominanti. Ciò non avviene necessariamente, o comunque non solo, attraverso leggi restrittive ma anche attraverso meccanismi propri delle democrazie, cioè utilizzando le risorse disponibili - che possono essere economiche e sociali. Si pensi ai mezzi di comunicazione che, utilizzando le libertà della democrazia, si prefiggono lo scopo di neutralizzare, attraverso le libertà economiche creando monopoli nell'editoria, la divulgazione delle idee altrui ma anche di manipolarle, attraverso programmi (tv e radio) "leggeri" di svago e programmi di approfondimento dove le notizie vengono date senza contraddittorio e pertanto interpretate a loro piacimento.

In tal modo si crea uno spazio culturale dove immettere idee immuni dalla critica storica e meglio recepibili poiché, chi le riceve, non avendo, nell'immediato, modo di verificare (ovvio che la verifica la si può fare dopo, ma questo comporta un lavoro sia mentale che pratico, di reperibilità del materiale necessario, che la maggioranza dei cittadini non ha a disposizione sia culturalmente sia per il tempo necessario) la vericidità delle idee e analisi proposte nei vari programmi finisce con il dare credito sulla fiducia.

Chiaro che nessuno può manipolare le idee e, in particolare, la storia raccontando fatti mai esistiti; si parte sempre da fatti realmente accaduti. È nel processo di interpretazione che si insinua l’interpretazione che permette a chi da la notizia per reinterpretarla nei termini più adatti allo scopo.





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libertà

permalink | inviato da verduccifrancesco il 17/10/2011 alle 10:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre        febbraio