.
Annunci online

NOIELASOCIETA NUOVO BLOG DI VERDUCCI FRANCESCO: società, poesie e racconti
La lega nord e il dopo Berlusconi.
post pubblicato in Lega, il 12 novembre 2011

 Lalega nord non intende sostenere il governo tecnico che emergerà dopo le dimissionidi Berlusconi e si porrà all'opposizione .

Il motivo, come dice Bricolo: “La Lega Nord non ha alcuna intenzionedi sostenere un governo tecnico dei poteri forti per giunta con la sinistra el'Udc, che sono gli eredi di quei partiti che hanno prodotto in passato ilnostro debito pubblico. Se questa è la ricetta per salvare il Paese èsicuramente quella sbagliata. Noi faremo opposizione seria, responsabile edecisa nell'esclusivo interesse della nostra gente e del nostro territorio”, eStucchi:“Rispetto algoverno tecnico che si sta delineando all’orizzonte politico, il cui programma(qualunque esso sia) non ha avuto e non potrà avere mai il consenso deicittadini, la Lega non può che stare all’opposizione. Che non sarà né dicircostanza, né soft, e avrà come obiettivo specifico quello di evitare che,con la Lega fuori dall'esecutivo, le fameliche casse romane vengano rimpinguatesolo dalla fatica a dal sudore dei padani”. E ancora “Cosa farà  questo nuovo governo a trazione Pdl-Pd-TerzoPolo? Aumenterà l'IRAP e proporrà nuove politiche assistenzialistiche eclientelari per il sud, oppure farà andare in pensione la gente a settant’anni?E poi che fine faranno i decreti attuativi sul federalismo fiscale? Si tratta  di domande alle quali chiunque pensi diinsediarsi a Palazzo Chigi dovrà dare delle risposte concrete”.

Come si legge, si parla di poteri forti cheformerebbero il governo tecnico sostenuto dalla sinistra e dall’UDC che, a lorodire, sarebbero gli eredi dei partiti che hanno prodotto il debito pubblico. Dimancato sostegno popolare del nuovo governo perché non eletto. Dello sfruttamentodel nord da parte di Roma. E per finire, di una politica tesa a far pagare aisoliti la crisi.

Bene, si potrebbe dire. Se non fosse che la stessalega votò, prima della crisi, le due finanziarie – di luglio e agosto – avrebbevotato il patto di stabilità se Berlusconi non fosse stato costretto alledimissioni. Pertanto, il non sostegno ad un eventuale governo Monti o,comunque, un governo tecnico da parte della lega è legato al venir meno del suopotere ricattatorio sul governo stesso. Non per niente Stucchi si chiede “chefine faranno i decreti attuativi sul federalismo”. Quei decreti che sonopassati grazie ai giochetti da teatrino della (vecchia) maggioranza. Decreti cheerano l’obiettivo principale della lega nord.

È alquanto strano che Stucchi si chieda anche che cosafarà “questo nuovo governo a trazione Pdl-Pd e terzo polo” prendendo in esamela possibilità che prenda in considerazione l’aumento dell’Irap, del pensionamentoa 67 anni e di una politica di assistenzialismo per il sud; tutte possibilitàinserite nel documento del patto di stabilità redatto da Berlusconi e derivatodalla lettera dell’UE.

Inoltre, nel patto di Pdl-lega, la pensione a 67 annisarebbe entrata in vigore nel 2013 e non nel 2026 come nel testo approvato alsenato e che, presumibilmente, anche alla camera.

La lega, ancora una volta dimostra di operare per isuoi interessi invece che per quelli dell’Italia. D’altra parte, a marzo del2011 (già in piena crisi), in un articolo su “leganord flash” dal titolo “balle spaziali” criticando chi sosteneva la necessitàdelle dimissioni di Berlusconi, sosteneva che il federalismo rimaneva l’unicostrumento per tenere insieme l’Italia affermando che “non penalizza ne il sud ne il nord” ma colpisce chifinora ha speso in modo irresponsabile e nonlo potrà più fare”. Vale a dire che, quelle regioni che si troveranno asforare il patto di stabilità tra regioni e stato si vedranno diminuire ilfinanziamento statale, ovvero, la stessa richiesta, fatta in altro modo, delnuovo patto dove si chiede agli enti locali di partecipare alla riduzione deldebito, e come? Riducendo le spese o aumentando le tasse locali; esattamente l’effettodel federalismo leghista.

Insomma, per la lega, le stesse cose hanno una doppiavalenza; se richieste da loro sono perfette, se richieste da altri, no.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega governo federalismo

permalink | inviato da verduccifrancesco il 12/11/2011 alle 16:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre        febbraio